giovedì , 19 Marzo 2020
Home / Storia della birra e cultura / Birra Weiss: caratteristiche delle birre Weizen

Birra Weiss: caratteristiche delle birre Weizen

Molti bevono birra Weiss poiché, tra le diverse birre industriali, queste rappresentano un cambiamento, una diversità, rispetto alle classiche lager commerciali.

Denotano, a nostro avviso, un primo passo per il cambiamento, per l’apertura ad un mondo, quello delle birre artigianali, che è tutto da scoprire.

Non per esempio non amiamo particolarmente le birre Weiss e, anche per questo motivo, non le proponiamo nel nostro beershop online.

Ma, senza dubbio, anche noi abbiamo riconosciuto, alle birre Weiss un ruolo importante nel nostro cambiamento. E, anche per questo motivo, vogliamo analizzare le Weiss più nel dettaglio.

La prima domanda che sorge spontanea è sicuramente una: si dice birra Weiss o birra Weizen?

Partiamo dal presupposto che sono entrambe parole di origine tedesca con la stessa etimologia.

La parola weiss significa bianco e la parola weizen significa, invece, frumento. Ed è proprio da qui che parte il tutto.

Entrambi i termini, infatti, sono utilizzati per indicare le birre di frumento.

Questo tipo di birra ha la principale caratteristica di essere un tipo di bevanda ad alta fermentazione.

Cosa molto strana visto che, solitamente, le birre bavaresi hanno una bassa fermentazione.

Ma questa è l’unica caratteristica tipica della birra Weiss? Ovviamente no.

Andiamo insieme alla scoperta di questa particolare tipologia di birra.

Birra Weiss: tutto quello che c’è da sapere

La birra Weiss è una birra tedesca molto nota in tutto il mondo.

Come già fatto presente all’inizio di questo articolo, a dire il vero, il nome corretto sarebbe Weizen. Nome per lo più accantonato dal termine più semplice e più comune Weiss.

Una birra che ha alle spalle un bel passato ed un grande consenso generale e che merita sicuramente di essere conosciuta ed analizzata in modo più approfondito.

La Germania ha una grande tradizione in fatto di birra e la birra Weizen ne è la dimostrazione.

Ma procediamo per gradi ed andiamo a conoscere ogni suo singolo aspetto.

Che cos’è una birra Weiss?

cos'è una birra weiss

In Germania esiste da diverso tempo la Weissbier, che letteralmente significa la birra bianca.

La sua colorazione molto pallida è dovuta dal suo ingrediente principale, ovvero il frumento.

Questa è la prima grande differenza che si può notare dalla birra Weiss alle altre tipologie di birre.

Se le birre sono generalmente fatte con malto d’orzo, il fatto di utilizzare anche od esclusivamente frumento, rende il risultato finale decisamente diverso ed inconfondibile.

Qual è l’origine della birra Weiss?

Fin dall’antichità l’agricoltura è sempre stata una delle attività più importanti per il commercio e per la crescita delle diverse civiltà e paesi.

Anche in un paese come la Germania, coltivazioni come quella dell’orzo e del frumento erano di vitale importanza.

Fin da subito, entrambi gli ingredienti furono utilizzati per creare pane e birra.

Ad un certo punto, però, per diversi motivi sia pratici che politici, fu deciso che l’unica coltivazione che poteva essere utilizzata per la creazione della birra doveva essere l’orzo.

Pensa, ad esempio, che in paesi come la Gran Bretagna il frumento fu assolutamente vietato per oltre 100 anni.

Tra tutti, però, non possiamo non citare anche l’Editto sulla Purezza fatto nel 1516 in cui si vietava in modo assoluto l’impiego del frumento per la birra, eccetto per i monaci.

Ecco, quindi, che a partire da quel momento l’orzo cominciò ad essere il cereale prescelto. E lo è tuttora.

Tuttavia, in alcune zone il frumento non abbandonò mai del tutto il settore della birra e proprio negli ultimi anni si sta riscoprendo con grande curiosità e molti consensi nel suo utilizzo in molte birre artigianali facendo diventare la birra al frumento, quasi, un vero simbolo della Germania.

Quali sono le caratteristiche della birra Weiss?

Passiamo ora ad un altro aspetto decisamente importante, e forse anche quello che maggiormente aspettavi.

Stiamo parlando, ovviamente, delle caratteristiche e delle diverse peculiarità che fanno della birra Weizen una birra davvero unica e speciale.

Prima di tutto si può notare chiaramente il suo colore giallo paglierino che potremo definire anche piuttosto torbido.

Anche la schiuma ha la sua importanza che, in questo caso, è piuttosto accentuata e di un bianco ben pronunciato. Si potrebbe dire che ha un aspetto molto simile alla panna.

Come già accennato, questo tipo di birra è ad alta fermentazione e proprio questo processo è il responsabile del chiaro profumo che ricorda molto la banana. Tra l’altro, è proprio questo uno degli aspetti che la rendono più riconoscibile tra mille tipologie.

Per quanto riguarda il grado alcolico, ti possiamo dire che nella birra Weizen non è molto alto.

Si parla, infatti, di un grado che va dai 4 ai 6° circa.

Da notare, poi, anche l’accentuata frizzantezza che la contraddistingue da sempre.

Ma, una domanda sorge spontanea ora: quanto frumento è utilizzato al suo interno?

A dire il vero non c’è una quantità specifica e quest’ultima varia da marchio a marchio. Tuttavia, per essere considerata davvero una birra di frumento deve avere almeno il 50% di frumento al suo interno. Sotto questa soglia diventa una birra classica.

Quali tipologie di birre Weiss esistono?

Ovviamente, come ogni macro gruppo che si rispetti, vi sono altri piccoli gruppi collegati.

La birra Weiss comprende sicuramente tutte le birre di frumento, ma queste si possono differenziare l’una dall’altra per alcuni piccolo particolari.

Scopriamo insieme le diverse tipologie di birre Weizen:

  • Hefeweiss. Nota anche come la “birra con i fondi”. È una birra piuttosto torbida in quanto, come vuole anche la vera ricetta di base, non ha subito nessun filtraggio. La schiuma è molto densa ed ad ogni sorso è possibile sentire delle sfumature fruttate;
  • Kristallweiss. Questa birra di frumento, invece, è filtrata e quindi ha un colore molto più limpido e non presenta nessun tipo di fondo. Il gusto che ne consegue è di una nota meno dolce e di una percezione più secca del suo aroma;
  • Dunkelweiss. Il colore in questo caso è decisamente più scuro in quanto vengono usati dei malti più tostati rispetto alle precedenti. Cosa ne consegue? Un sapore più deciso e delle note che richiamano molto il caffè ed il caramello;
  • Wiezenbock. Ecco ora la birra Weizen più alcolica in assoluto visto che può avere un grado alcolico anche superiore agli 8°. Si tratta di una birra molto decisa con qualche nota fruttata che smorza l’intensità del tutto.

Queste sono le quattro tipologie principali in cui possiamo suddividere il grande mondo delle birre tedesche di frumento.

Quali sono le migliori birre Weiss?

birra weiss paulaner

Prima di tutto dobbiamo farti presente che la birra di frumento è riapparsa in commercio dopo moltissimo tempo e possiamo collocarla all’incirca alla fine degli anni ’90.

Da quegli anni, infatti, alcuni pub e locali cominciarono ad avere nella loro lista alcune birre Weizen arrivando, poi, a creare una vera e propria collezione.

Al giorno d’oggi la diffusione è davvero ampia e vi sono, per esempio, degli amanti di birra che prediligono e bevono solo ed esclusivamente birra di frumento.

I marchi sono molti ed alcuni hanno una fama davvero enorme. Tra tutti possiamo assolutamente consigliarti:

  • Paulaner. Sicuramente non ha bisogno di presentazioni. Un marchio conosciuto in tutto il mondo e che ogni anno regna sovrano nel famoso Oktoberfest. È la regina del mondo delle birre weizen;
  • Franziskaner. Altro marchio piuttosto noto, anche se decisamente meno famoso rispetto al precedente. Le birre di questo birrificio hanno tutte un sentore molto chiaro di frumento ed un sapore citrico ben evidente;
  • Kapuziner. Un po’ difficile da trovare a dire il vero. Diciamo che è una birra di frumento più che altro da spina, ma se vi capita l’occasione approfittatene ed assaggiatela. È una birra weiss molto delicata e con note profumate molto gradevoli.

Quali sono le migliori birre weizen italiane?

Ebbene si, forse ti sembrerà strano ma anche sul territorio italiano vi sono alcuni birrifici che producono birre di frumento.

Ti avvisiamo subito, non sono tanti i mastri birrai italiani che decidono di provare questa tipologia di produzione, ma quei pochi bisogna dire che ci sanno proprio fare.

Tra tutti ti facciamo il nome di:

  • San Gabriel – Weiss
  • Revelation Cat – Take My adWeiss
  • Lambrate – DOMM
  • 61cento – Picus
  • ADW del Nuovo Birrificio Nicese di Nizza Monferrato
  • Elicrisia del Birrificio degli Archi
  • Grano del Birrificio Desmond
  • Cinquant’ del Birrificio Aeffe di Castel San Giorgio
  • Flea – Margherita
  • Birrone – Thug Life
  • Revelation Cat – Take My adWeiss

Prendi nota e poi divertiti ad assaporarle una ad una.

Come abbinare la birra Weiss?

Come ultimo aspetto, ma non perchè meno importante, passiamo a scoprire anche i giusti abbinamenti per valorizzare al meglio tutte le caratteristiche delle birre weizen.

In primo luogo, però, devi sapere che la birra di frumento deve essere anche servita nel modo corretto:

  • la temperatura ideale va dai 7° ai 10° al massimo. Infatti, servirla troppo fredda o troppo calda andrebbe decisamente a rovinare il suo aroma, o meglio, andrebbe a non rendere ben percettibili le sue sfumature ed il suo gusto inconfondibile;
  • il bicchiere ha la sua importanza. Per una birra weiss serve necessariamente un bicchiere alto e stretto. La forma è molto caratteristica ed ha, in pratica, la parte centrale più stretta e la parte superiore più larga per poter far stare in modo ottimale la molta schiuma che questa tipologia di birra crea. Vietati quindi bicchieri come il calice od il boccale;
  • attenzione, poi, al modo in cui versi la birra al frumento. Comincia a versare delicatamente la birra a piccoli sorsi ed una volta arrivato a metà bicchiere aspetta che la schiuma si attenui. Poi versa l’altra metà del liquido sempre nello stesso modo. Indicativamente dovrebbero essere necessari dai 3 ai 6 passaggi per avere un bicchiere perfettamente pieno ed una schiuma bella ricca a forma di cappello.

Ora che sai davvero tutto sul come servire la birra, possiamo procedere anche con i diversi abbinamenti.

Il gusto caratteristico forse ti farà pensare che sia molto difficile da abbinare e servire insieme a del cibo. In realtà non è affatto così.

Potremo osare dire, addirittura, che sia perfetta per ogni singola pietanza.

La frizzantezza della birra weizen la rende perfetta per gli aperitivi e per tutti i classici stuzzichini del caso.

La sua corposità ed intensità, poi, la rende perfetta anche per i piatti importanti di carne, soprattutto per quella rossa.

Ottima, poi, anche per tutti quei piatti ricchi di spezie o di peperoncino.

Insomma, puoi davvero divertirti a spaziare da una birra all’altra ed allo stesso tempo gustare i tuoi piatti preferiti.

Dove comprare birre Weiss o altre birre artigianali?

Nel nostro beershop online potrai trovare poche birre artigianali, attentamente selezionate dalla nostra squadra di appassionati. Ne abbiamo anche altre, ma nel nostro beershop proponiamo solo le migliori: https://maltiperlabirra.it/beershop-online/

L'autore: Monia Uliana

Leggi anche

Birra doppio malto - Definizione e significato

Birra doppio malto: significato e definizione

La birra doppio malto è una birra per veri Malti, da uomini duri. La birra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *